Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

16 Aprile 2020

Me manca

Me manca

***

Me manca ‘na magnata in compagnia,

co ‘na bevuta, certo, e le risate

e pure l’infinite chiacchierate,

‘na birra inzieme e sorzi d’alegria.

***

Me mancheno le lunghe passeggiate,

pe pizzi in tutta Roma e l’armonia

der gran casino e de la frenesia,

l’amichi co cui fà cento serate.

***

Me manca er sottofonno melodioso

de ‘sta città ch’è sveja quanno dorme

che nun sai dì ched’è, ma è strepitoso.

***

Adesso ner silenzio che lo doma

viè come un’eco a ritoccà le orme:

me manca da morì l’amoR mio … Roma!

***

Stefano Agostino

_________________________

***

 

  1. Me manca ‘na magnata in compagnia,
    co ‘na bevuta, certo, e le risate
    e pure l’infinite chiacchierate,
    ‘na birra inzieme e sorzi d’alegria. …

    Comment by Stefano — 16 Aprile 2020 @ 05:14
  2. Tutte le cose che hai scritto mancano anche a me! E mi manca tanto anche la Messa e la Comunione! Spero di poter riavere tutto quello che avevo!
    Buona Giornata.

    Comment by letizia — 16 Aprile 2020 @ 11:29

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>