Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

17 Aprile 2020

Ricapitol’anno

Ricapitol’anno

***

Inzomma ce sò, ricapitolanno,

er covid-19, pandemia,

minaccia de ‘na granne carestia,

ché nun se sa dei due chi fa più danno.

***

E pe tenecce sempre in alegria,

incenni e teremoti ce ne stanno

in proporzione già deppiù quest’anno,

de tutti l’artri messi in compagnia.

***

Ma le disgrazzie pareno infinite

l’anno bisesto … più ce n’ha, ne mette,

ce sta pe venì addosso er meteorite.

***

Io nun ce vojo crede … ma a limette

qui ciò le mani in tasca, mai più uscite,

ch’è pure venerdì ‘sto diciassette.

***

Stefano Agostino

_______________________

***

  1. Inzomma ce sò, ricapitolanno,
    er covid-19, pandemia,
    minaccia de ‘na granne carestia,
    ché nun se sa dei due chi fa più danno. …

    Comment by Stefano — 17 Aprile 2020 @ 05:58
  2. Con queste premesse, speriamo di arrivare vivi al 1° gennaio 2021! e per oggi
    Buona Giornata.

    Comment by letizia — 17 Aprile 2020 @ 12:22
  3. E siccome uno ha da mori prima che te fanno er discorso pe di quant’eri bravo, quant’eri bono,
    io prego tanto a Dio, che li discorsi, continuo a falli io! (Checco Durante)

    Comment by romano cb — 17 Aprile 2020 @ 16:22

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>