Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

20 Aprile 2020

Lunedì de quarantena

Lunedì de quarantena

***

Er lunedì, da quanno è quarantena,

se tollera deppiù … ché se confonne

co tutti l’artri giorni e s’annisconne

quer che cià più de suo e che avvelena.

***

Quer fatto de sfonnà ommini e donne

ner primo giorno in tutta la catena,

che viè dopo la sosta a pià la scena,

e a sabbato e domenica arisponne.

***

Invece co ‘sto nostro isolamento

de giorni a casa, da contà appresso,

er lunedì è come si s’è spento.

***

Ma tornerà a interpretà se stesso,

quanno sarà finito ‘sto momento

e apparirà com’è … er solito cesso.

***

Stefano Agostino

__________________________

***

  1. Er lunedì, da quanno è quarantena,
    se tollera deppiù … ché se confonne
    co tutti l’artri giorni e s’annisconne
    quer che cià più de suo e che avvelena. …

    Comment by Stefano — 20 Aprile 2020 @ 03:12
  2. Mi piaceva tanto di più il vecchio lunedì, anche se era “er solito cesso”!
    Buon lunedì.

    Comment by letizia — 20 Aprile 2020 @ 12:49

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>