Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

27 Aprile 2020

Roma e fase 2

Roma e fase 2

***

Vabbè, ma inzomma, quinni, ar dunque adesso

chi pò riaprì, a parte l’elencati?

Intenno quelli certi dichiarati,

pe tutti l’artri, vale già lo stesso?

***

Nun è questione d’èsse un po’ fissati,

ma er 4 maggio ariva e, co permesso,

si nun ce sta chiarezza su chi ha accesso

se rischieno contaggi illimitati.

***

Si s’esce tutti a Roma, dritti ar centro,

stà distanziati, senza assembramento,

come se fa? Tutti piggiati dentro …

***

… a mezzi pubbrici e a le fermate,

si è così er virus fai contento,

e in lockdown passamo poi l’estate.

***

Stefano Agostino

___________________________

***

  1. Vabbè, ma inzomma, quinni, ar dunque adesso
    chi pò riaprì, a parte l’elencati?
    Intenno quelli certi dichiarati,
    pe tutti l’artri, vale già lo stesso? …

    Comment by Stefano — 27 Aprile 2020 @ 06:22
  2. ‘Sta quarantena è proprio un bello strazio: i parrucchieri riaprono solo il primo giugno, ormai sono diventata come una donna delle caverne!
    Comunque Buona Giornata.

    Comment by letizia — 27 Aprile 2020 @ 12:59

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>