Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

28 Aprile 2020

L’affetti stabbili dar 4 maggio

L’affetti stabbili dar 4 maggio

***

Così provo a spiegà chi è er “congiunto”,

che se potrà incontrà dar 4 maggio,

è ‘gni parente … fin’a ottavo raggio,

fusse pur solo affine, giustappunto.

***

Ma se potrà vedé anche un assaggio

l’affetto quann’è stabbile e sur punto

ce sò interpretazzioni che, in riassunto,

nun stanno a mette tutti a propio aggio.

***

Perché de stabbile in campo d’affetti

e duraturo c’è davero poco,

li fidanzati certo … ma in effetti …

***

… sò tali pe cui c’è chi se contorna

de fidanzati … e er dubbio nun è un gioco:

è assembramento o no mette le corna?

***

Stefano Agostino

__________________________

***

  1. Così provo a spiegà chi è er “congiunto”,
    che se potrà incontrà dar 4 maggio,
    è ‘gni parente … fin’a ottavo raggio,
    fusse pur solo affine, giustappunto. …

    Comment by Stefano — 28 Aprile 2020 @ 06:39
  2. Bravo Stefano, sonetto divertente che serve ad alleggerire il peso della quarantena!
    Buona Giornata.

    Comment by letizia — 28 Aprile 2020 @ 10:43

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>