Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

30 Aprile 2020

Tana libbera … lutti

Tana libbera … lutti

***

Qui stamo ancora in piena emergenza,

‘sta cosa nun è entrata bene in testa,

ché da ‘gni ‘ndove move la protesta,

tutti vonno riaprì e avé licenza …. 

***

… de uscì e de tornà a vive e se contesta

la scerta, cor parere de la scenza,

de ‘sto Governo, ch’è più de prudenza,

cor rischio che poi er virus s’aridesta.

***

Riaprì de certo sì, ma in sicurezza,

pe nun vanificà ‘gni sacrificio,

perciò ce vò pazzienza e co fermezza …

***

… ce sò da rispettà le decisioni,

ché er Covid, zitto zitto, micio, micio,

sfrega le mano e rompe li … pormoni.

***

Stefano Agostino

____________________________

***

  1. Qui stamo ancora in piena emergenza,
    ‘sta cosa nun è entrata bene in testa,
    ché da ‘gni ‘ndove move la protesta,
    tutti vonno riaprì e avé licenza ….

    Comment by Stefano — 30 Aprile 2020 @ 06:37
  2. Meglio pazientare ancora un altro mese per evitare brusche ricadute! e spero che possa bastare!
    Buona Giornata.

    Comment by letizia — 30 Aprile 2020 @ 11:35

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>