Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

6 Maggio 2020

Nun era “uscite tutti”

Nun era “uscite tutti”

***

Me sbajerò: ciò netta senzazzione,

ch’er 4 maggio ha sciorto le catene,

de chi ciaveva er sangue ne le vene

che urlava: “esci da ‘st’abbitazzione”.

***

De chi de giorno e notte, pranzi e cene,

parla da mesi già de reclusione,

è stanco d’affacciasse dar barcone,

pe urlà che annerà poi tutto bene.

***

Così se formeno li capannelli 

de gente a chiacchierà ravvicinata,

da poche mascherine e tempi belli.

***

Ce vò prudenza e c’è riccomannata

da medici e politici e in appelli …

spero nun stamo a fà ‘na gran cazzata!

***

Stefano Agostino

__________________________

***

  1. Me sbajerò: ciò netta senzazzione,
    ch’er 4 maggio ha sciorto le catene,
    de chi ciaveva er sangue ne le vene
    che urlava: “esci da ‘st’abbitazzione”. …

    Comment by Stefano — 6 Maggio 2020 @ 04:21
  2. Posso dire che qui, dove io abito, sembra che sia quasi il primo giorno di quarantena! Speriamo che veramente “andrà tutto bene”!
    Buona Giornata.

    Comment by letizia — 6 Maggio 2020 @ 11:12

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>