Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Tempi d'oggi

12 Maggio 2020

“Silvia” o “Aisha” che sia

“Silvia” o “Aisha” che sia

***

Quer che me dà fastidio veramente,

è che da quanno ch’è atterata in poi,

ha smesso d’èsse già una de noi,

seconno l’oppignone prevalente.

***

Come ce fusse poi un noi e un voi,

giudizzi e offese da un sacco de gente,

de chi sa tutto … io che nun so gnente,

me chiedo, ar posto suo, ma quanti eroi …

***

… rapiti da feroci assassini

e detenuti pe 18 mesi,

mó staveno a guardà nome e santini.

***

C’è tempo pe chiarì li fatti intesi,

e pe sgamà li peggio artarini,

ma giudicà così lassa indifesi.

***

Stefano Agostino

__________________________

***

  1. Quer che me dà fastidio veramente,
    è che da quanno ch’è atterata in poi,
    ha smesso d’èsse già una de noi,
    seconno l’oppignone prevalente. …

    Comment by Stefano — 12 Maggio 2020 @ 05:57
  2. E’ una storia grottesca: conte che va a riceverla all’aeroporto,come se fosse una eroina! Ma se lì stava tanto bene ci poteva restare! In Italia c’è tanta gente che non riesce ad arrivare alla fine del mese e il nostro cosiddetto “governo” (di ladri) va a pagare il riscatto per costei che è andata ad “aiutare” i bambini africani! Sarà accolta nel paradiso delle urì. E la finisco qui per non dire tutto quello che penso!
    Buona Giornata.

    Comment by letizia — 12 Maggio 2020 @ 10:57

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>