Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

15 Maggio 2020

Ciao Ezio

Ciao Ezio

***

Se l’è aripreso, me lo sento certo,

l’ha arivoluto indietro: “Questo è Mio”,

l’avrà chiamato Lui … sicuro… Dio,

ché je sonasse er più mejo concerto.

***

Co l’angeli ner coro e er luccichio 

de tutto er Paradiso a Celo aperto,

pe un omo ch’ha portato in sè e sofferto,

tutt’er dolore … com’ha fatto er Fìo.

***

Ma com’er Fìo, lui ce l’ha inzegnato

che gnente mai pò spegne chi er soriso,

lo porta indentr’a l’anima stampato.

***

Pe questo Dio … co un soffio Suo divino,

l’ha fatto aritornà su in Paradiso,

pe un fiore così bello ar Suo Giardino.

***

Stefano Agostino

____________________________

***

  1. Se l’è aripreso, me lo sento certo,
    l’ha arivoluto indietro: “Questo è Mio”,
    l’avrà chiamato Lui … sicuro… Dio,
    ché je sonasse er più mejo concerto.

    Comment di Stefano — 15 Maggio 2020 @ 11:56
  2. Direttore d’orchestra, pianista, compositore: Ezio Bosso si è spento a 48 anni, vinto da quel destino che nel 2011 si era accanito contro di lui. Hai ragione Stefano: Dio Padre l’ha voluto accanto a Sè! Questo mondo è diventato invivibile, in Paradiso si sta meglio!
    Buona Giornata.

    Comment di letizia — 16 Maggio 2020 @ 12:36

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>