Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

19 Maggio 2020

A le tre de … botte

A le tre de … botte

***

Ero accucciato e stavo a fà un ber sogno,

quann’ecco un botto … a le 3 de notte,

me svejo, un soprassarto me se inghiotte,

ma ch’è successo? M’arzo … Ciò bisogno …

***

… vojo capì ch’è stato, ma me fotte 

er sonno … giro casa e me sbologno

bagno e cucina … e dico … me vergogno,

famme vedé si fusse mai la botte?

***

Ché ciò ‘na botte a forma de cantina,

e vedo un tappo … a strabbuzzà le cija,

er vino tutto in tera … a schiena china

***

‘no straccio a pulì er bene de famija,

inzomma è notte, ma pe me è matina:

ché m’è schioppata la mejo bottija.

***

Stefano Agostino

__________________________

***

  1. Ero accucciato e stavo a fà un ber sogno,
    quann’ecco un botto … a le 3 de notte,
    me svejo, un soprassarto me se inghiotte,
    ma ch’è successo? M’arzo … Ciò bisogno …

    Comment di Stefano — 19 Maggio 2020 @ 04:19
  2. Che brutta cosa! E’ ‘na vera sciagura, è come aver perso ‘n gioiello de famiglia…

    Comment di Silvio — 19 Maggio 2020 @ 10:03
  3. Io, per fortuna sono astemia!
    Buona Giornata!

    Comment di letizia — 19 Maggio 2020 @ 11:55

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>