Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

7 Luglio 2020

Er “bouquet” de rose

Er “bouquet” de rose

***

Er virus ch’assomija a un bouquet de rose,

cor callo pare un po’ rincojonito.

Nun te fidà, ché s’è solo addormito,

pò risvejasse e contaggià le cose.

***

Tu nun dà retta a chi parla impettito,

davanti a la tivvù, co smorfie e pose,

speranno che diventino famose,

l’uscite sue sur virus ch’è finito.

***

Invece tocca ancora usà prudenza,

che detto a la romana è stà in campana,

così ce dice chi studia la scenza.

***

Poi si se vò dà ascorto a chi ce piace

e no a ‘na verità lapalissiana,

arzo le mano … do raggione … e pace.

***

Stefano Agostino

_____________________

***

  1. Er virus ch’assomija a un bouquet de rose,
    cor callo pare un po’ rincojonito.
    Nun te fidà, ché s’è solo addormito,
    pò risvejasse e contaggià le cose.

    Comment by Stefano — 7 Luglio 2020 @ 03:31
  2. Il vero problema ora è proprio quello, abbassare la guardia per l’intervenuta assuefazione, per stanchezza, per superficialità o semplicemente per scellerata incoscienza!

    Comment by Silvio — 7 Luglio 2020 @ 09:18
  3. Facciamo attenzione: io non credo che questo virus sia morto, è solo addormentato!
    Buona Giornata.

    Comment by letizia — 7 Luglio 2020 @ 11:41
  4. Decisamente, dovemo continua’ ……. a sta’ in campana!

    Comment by romano cb — 7 Luglio 2020 @ 14:36

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>