Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

10 Luglio 2020

Chi gioca co li sentimenti artrui

Chi gioca co li sentimenti artrui

***

Chi gioca co li sentimenti artrui,

come quann’era un pupo co un pupazzo,

pò èsse adurto o pò èsse regazzo,

ner mentre gioca, come sa fà lui …

***

… nun vede che er proseguì ‘st’annazzo,

a lungo annà lo porta a giorni in cui

la vita je riserva pe costui,

restà da solo e poi s’attacca ar cazzo.

***

Pe córe appresso a gonne sempre nòve

verà quer tempo in cui farà fatica

e inzeguille dietro pe ‘gni dove.

***

Nasce cicala e vò morì formica,

ma pe cercalla sempre e solo artrove,

ner letto mai ciavrà più de un’amica.

***

Stefano Agostino

_______________________

***

  1. Chi gioca co li sentimenti artrui,
    come quann’era un pupo co un pupazzo,
    pò èsse adurto o pò èsse regazzo,
    ner mentre gioca, come sa fà lui …

    Comment by Stefano — 10 Luglio 2020 @ 06:40
  2. Nostro Signore ha donato a tutti noi il libero arbitrio, ossia la libertà di vivere e agire come più ci aggrada. Dobbiamo tuttavia essere consapevoli di pagare in prima persona le conseguenze delle nostre azioni, del nostro egoismo e dei nostri errori senza incolpare altri per il nostro operato

    Comment by Silvio — 10 Luglio 2020 @ 09:57
  3. Oggi sono versi filosofici e anche teologici: ognuno di noi è responsabile delle proprie azioni! Sarebbe bene pensare a cosa si va incontro facendo delle scelte più o meno sbagliate, perchè poi è inutile dare la colpa agli altri di quello che ci accade!
    Buona Giornata.

    Comment by letizia — 10 Luglio 2020 @ 10:39

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>