Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

28 Luglio 2020

Quanno che va più o meno tutto storto

Quanno che va più o meno tutto storto

***

Quanno che va più o meno tutto storto

e ciài l’umore ch’è sott’a le sòle,

che t’aripeti: “nun ce sò parole”,

co scritto ar grugno quanto sei sconvorto …

***

… nun je dà retta a chi pare te vole

già dà ‘na mano, cor braccino corto,

se limita a sortì: “Che te s’è sciorto?”,

ma se ne frega der perché te dole.

***

Più mejo è riguardasse in de lo specchio,

trovà arifresso er solo veramente

a cui je ‘mporta de prestatte orecchio.

***

A cui però nun ciài da spiegà gnente,

e che t’assisterà pure da vecchio,

fàllo pe lui … raddrizza ‘sto presente!

***

Stefano Agostino

________________________

***

  1. Quanno che va più o meno tutto storto
    e ciài l’umore ch’è sott’a le sòle,
    che t’aripeti: “nun ce sò parole”,
    co scritto ar grugno quanto sei sconvorto …

    Comment by Stefano — 28 Luglio 2020 @ 06:02
  2. Storto o dritto è nella testa di chi decide come viverla, tutto dipende dal nostro atteggiamento di come accogliamo ciò che ci accade. Gente allegra Dio l’aiuta!

    Comment by Silvio — 28 Luglio 2020 @ 09:43
  3. Ci sono giorni che nascono male, ma che dopo si aggiustano: basta sorridere!
    Buona Giornata radiosa!

    Comment by letizia — 28 Luglio 2020 @ 12:56

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>