Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

31 Agosto 2020

Cotto a puntino

Cotto a puntino

***

Credevi fusse morto indentr’ar petto,

e invece ce l’hai lì che ancora batte,

te lo credevi areso ner combatte,

quanno ch’ancora lotta co l’ermetto.

***

 Intenno er còre tuo … basta guardatte,

senza nemmanco rifissà l’aspetto,

che stai come quann’eri regazzetto,

appresso ar primo amore da sognatte.

***

Dicevi che nun eri più disposto

a perde tempo e sonno pe nessuna,

ce credevamo tutti e tutt’apposto.

***

Poi t’è bastato già un chiaro de luna,

l’abbraccio e un bacio e ‘na notte d’agosto,

che stai più cotto der Sahara a l’una.

***

Stefano Agostino

__________________________

***

  1. Credevi fusse morto indentr’ar petto,
    e invece ce l’hai lì che ancora batte,
    te lo credevi areso ner combatte,
    quanno ch’ancora lotta co l’ermetto.

    Comment by Stefano — 31 Agosto 2020 @ 02:12
  2. Non è mai tardi per innamorarsi. In età più avanzata siamo senz’altro meno impulsivi e maggiormente supportati da maturità e ponderazione

    Comment by Silvio — 31 Agosto 2020 @ 10:19
  3. E’ una cosa bellissima se ancora ad una certa età il cuore batte per un amore nuovo! Ricordo il mio primo amore: ho avuto fortuna, è lo stesso di oggi!
    Buona Giornata.

    Comment by letizia — 31 Agosto 2020 @ 11:27

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>