Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

2 Settembre 2020

Prima der ritorno a scòla

Prima der ritorno a scòla

***

M’ariccomanno famo che ‘ste scòle,

‘ndó stanno pe sonà li campanelli,

pe riaprì de novo li cancelli,

co bimbi e co regazzi a fà le spole …

***

… sueggiù pe aule e scale e li bidelli

tornà ar lavoro loro, si Dio vole,

e l’inzegnanti, pieni de parole,

d’arigalà a l’alunni e fà l’appelli …

******

… se faccia tutto quanto in sicurezza,

controllo de distanza e mascherina,

e co prudenza, serietà e fermezza.

***

Ch’er virus nun è morto e nun cià tomba,

anzi ne la cartella ‘gni matina,

pò fà de ‘gni scolaro un pacco bomba.

***

Stefano Agostino

_________________________

***

  1. M’ariccomanno famo che ‘ste scòle,
    ‘ndó stanno pe sonà li campanelli,
    pe riaprì de novo li cancelli,
    co bimbi e co regazzi a fà le spole …

    Comment by Stefano — 2 Settembre 2020 @ 06:43
  2. E’ di fondamentale importanza riprendere le lezioni scolastiche. I mesi perduti dai ragazzi di didattica, di interazione sociale e di formazione umana vanno recuperati al più presto. Sono di gran lunga loro la categoria più penalizzata dalla chiusura forzata. A scuola infatti non apprendono solo nozioni ma imparano a stare al mondo, a diventare adulti, ad assumersi responsabilità, a ragionare, a confrontarsi, insomma ad affrontare la vita.

    Comment by Silvio — 2 Settembre 2020 @ 09:54
  3. ‘Sto covid è una bella rottura di scatole e mi sembra che ancora non se ne vede la fine!
    Buona giornata.

    Comment by letizia — 2 Settembre 2020 @ 11:43

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>