Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

5 Settembre 2020

Zangrillo e er virus

Zangrillo e er virus

***

Ma come? Da clinicamente morto,

mó ch’è ricoverato Berlusconi,

Zangrillo cambia tutte l’oppignoni,

e dice è stato interpretato storto.

***

Quanno pe radio e a le televisioni

in piena pandemia, lui disinvorto

diceva … er virus? No, ormai s’è sciorto,

finito, nun c’è più … stateve boni!

***

E co ‘sta frase è diventato noto,

er simbolo de li negazzionisti,

pe cui er coronavirus resta ignoto.

***

Mó invece s’arza e dice … qualunquisti,

avete interpretato tutti a vòto,

… poracci più de li terapiattisti. 

***

Stefano Agostino

_____________________

***

  1. Ma come? Da clinicamente morto,
    mó ch’è ricoverato Berlusconi,
    Zangrillo cambia tutte l’oppignoni,
    e dice è stato interpretato storto. …

    Comment by Stefano — 5 Settembre 2020 @ 06:54
  2. Non so cosa ne pensate voi, ma sono sempre di più convinta che questo virus è stato creato ad arte per assoggettare il popolo e renderlo schiavo delle case farmaceutiche ed altro! Tutti i media sono asserviti agli alti poteri finanziari e dicono menzogne per i loro comodi. Questa specie di “guerra” è una storia che non finirà mai e dobbiamo solo pregare Dio che ci liberi da questa schiavitù.
    Nonostante tutto, buona giornata.

    Comment by letizia — 5 Settembre 2020 @ 10:02
  3. Cara Letizia, questo virus è come una guerra, ci hanno rimesso tutti. Tutti i poteri forti sono stati danneggiati o uccisi. Le grandi e piccole industrie che chiudono o vanno in rosso, capi di stato, re e capi di governo che si ammalano, disoccupazione che aumenta, tanti troppi morti nel mondo di tutte le caste, ricchi e poveri. Una guerra avrebbe fatto meno danni. Non si può pensare che il virus sia stato creato apposta per arricchire le case farmaceutiche e danneggiato tutti gli altri, non ha senso. Pensaci su e buona giornata

    Comment by Pablo Bighorn — 5 Settembre 2020 @ 11:06
  4. Invece su zangrillo non si sa se ridere o piangere. Ma chi ha buona memoria, ricorderà che zangrillo è il medico che anni fa diagnostico’ a Berlusconi una uveite, che è una grave infiammazione agli occhi, sicché non poteva andare a testimoniare ai numerosi processi penali in cui era coinvolto. In quel periodo sui giornali c’erano le foto del cavaliere con occhiali neri e passo incerto di chi non vede bene. Finché il giudice di uno dei processi chiese la visita fiscale obbligatoria per verificare la malattia. Il medico del tribunale visitò Berlusconi e non trovò nessuna uveite e nessuna malattia.
    Basta questo per capire che tipo di medico e di persona è zangrillo.

    Comment by Pablo Bighorn — 5 Settembre 2020 @ 11:13

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>