Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

15 Settembre 2020

Addolorata

Addolorata

***

Penza tu, mamma, che dev’èsse stato,

vedé su’ Fio appeso a quela croce,

corona in testa, chiodi e er modo atroce

de condannà Chi agì senza peccato.

***

E nun usà manco che un fir de voce,

sinnò ner pianto pur mezzo strozzato,

da sott’a quer Mistero Incarnato,

un legno, un grido e tutto via veloce.

***

Come dev’èsse stato, penza, mamma,

vive un seconno solo quer momento,

Giovanni là vicino … un fotogramma.

***

Fin quanno pure er celo poi s’è spento,

pe rènne omaggio ar Fìo de Dio ner dramma,

‘na spada la trafisse a còre ar vento.

***

Stefano Agostino

___________________________

***

  1. Penza tu, mamma, che dev’èsse stato,
    vedé su’ Fio appeso a quela croce,
    corona in testa, chiodi e er modo atroce
    de condannà Chi agì senza peccato.

    Comment by Stefano — 15 Settembre 2020 @ 05:11
  2. Carico di drammaticità e sofferenza il sonetto. Sapienti pennellate di poesia struggente dipingono l’immagine di una madre tormentata dal dolore. Sembra quasi di vedere la scultura della “Pietà”!

    Comment by Silvio — 15 Settembre 2020 @ 09:23
  3. Delicata e bellissima poesia! La Santa Vergine prega per noi.

    Comment by letizia — 15 Settembre 2020 @ 22:03

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>