Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

8 Ottobre 2020

Messaggio p’er dumilaeventi

Messaggio p’er dumilaeventi

***

Nun vorebbe sembrà un po’ sgarbato,

ingeneroso e dar ben poco tatto,

pe nun peccà de gusto e lassà intatto,

er briciolo de stima conquistato.

***

Nun vorebbe da scioje ‘sto contratto.

che dar primo gennaio cià obbligato

a vive assieme ‘sto concubbinato,

tra mesi de lockdown e ‘gni artro fatto.

***

Nun vorebbe, lo so, ma artrimenti

mortiprichi ‘gni giorno l’occasioni,

de dà sortanto noie e patimenti.

***

Perciò un messaggio, senza condizzioni,

io ciò pe te, caro dumilaeventi;

quanno te tojerai da li cojoni?

***

Stefano Agostino

_____________________________

***

  1. Nun vorebbe sembrà un po’ sgarbato,
    ingeneroso e co poco tatto,
    pe nun peccà de gusto e lassà intatto,
    er briciolo de stima conquistato.

    Comment by Stefano — 8 Ottobre 2020 @ 03:29
  2. Più che scongiuri e superstizioni, o invocare la sfiga, ricordo che la vita quotidiana è fatta di comportamenti: più questi sono responsabili, più si riesce a contenere il rischio pandemico e a fa passà ‘a nottata…

    Comment by Silvio — 8 Ottobre 2020 @ 08:44
  3. Io ho la sensazione che questo lockdown ce lo porteremo appresso almeno per altri due anni! Spero di sbagliarmi, ma chi ci “governa” non ha la minima intenzione di liberarci dalle pastoie. Chi vivrà vedrà!
    Buona Giornata.

    Comment by letizia — 8 Ottobre 2020 @ 10:51

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>