Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

4 Novembre 2020

Testa a testa de …

Testa a testa de …

***

Già che ce sia perzino un testa a testa,

te fa cascà davero l’attribbuti,

ché se saprà a l’urtimi minuti,

chi ha vinto in USA e potrà poi fà festa …

***

… dimostra che nun sò ancora cresciuti,

che ‘sti quattr’anni co le sue gesta,

sò stati li peggiori e quer che resta,

è un monno intero a l’arberi pizzuti.

***

Penzavo a ‘na vittoria eclatante,

e invece ce sta piena e dura lotta,

ché uno a l’artro nun je sta distante.

***

Speranno de nun prenne un’artra botta,

l’America in pasto ar suo regnante,

mejo sarebbe pure James Pallotta.

***

Stefano Agostino

__________________________

***

  1. Già che ce sia perzino un testa a testa,
    te fa cascà davero l’attribbuti,
    ché se saprà a l’urtimi minuti,
    chi ha vinto in USA e potrà poi fà festa …

    Comment by Stefano — 4 Novembre 2020 @ 07:07
  2. Per la pace tra le nazioni e per il bene del pianeta la più viva speranza è che lo squilibrato criminale lasci quella poltrona. Tirerei un bel respiro di sollievo se la valigetta col bottone nucleare non stesse più nelle mani di questo malato di mente!

    Comment by Silvio — 4 Novembre 2020 @ 09:59

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>