Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

5 Novembre 2020

Bon viaggio Giggi

Bon viaggio Giggi

***

A Gi’, sai che succede stammatina?

Che tutta quanta Roma t’accompagna,

fin ‘ndó se pò, ner viaggio da cuccagna,

che stai pe fà Lassù, da ‘sta cantina.

***

Pe corpa de ‘sta gran zozza magagna,

de malatia, fìa de ‘na ballerina,

la gente nun pò statte lì vicina,

pe via der Corzo e pe piazza de Spagna.

***

Ma stanne certo, Giggi, che cor còre

staremo tutti assieme a te, lo “Zio”,

er mejo artista e er più granne attore.

***

Bon viaggio Gì’, te do ‘st’abbraccio mio,

tu sèguita a fà da mattatore,

de ride cià bisogno pure Dio.

***

Stefano Agostino

__________________________

***

  1. A Gi’, sai che succede stamatina?
    Che tutta quanta Roma t’accompagna,
    fin ‘ndó se pò, ner viaggio da cuccagna,
    che stai pe fà Lassù, da ‘sta cantina. …

    Comment by Stefano — 5 Novembre 2020 @ 06:55
  2. Addio immenso artista di spettacolo e maestro di romanità!

    Comment by Silvio — 5 Novembre 2020 @ 15:42
  3. Sono stata tutta la mattina (dalle 10 alle 13,30) a seguire il lungo addio a Gigi, con centinaia di persone che applaudiva al passaggio del feretro! Una cosa così commovente che ancora ho un groppo in gola! Ciao grande Uomo sarai sempre vivo nei nostri cuori e sono certa che un giorno ci rivedremo.

    Comment by letizia — 5 Novembre 2020 @ 17:48
  4. Penso a Giggi…….e me vie’ in mente Ugo Foscolo:

    “A egregie cose il forte animo accendono
    l’urne de’ forti, o Pindemonte; e bella
    e santa fanno al peregrin la terra
    che le ricetta”.

    Comment by romano cb — 5 Novembre 2020 @ 20:54

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>