Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

10 Novembre 2020

Vaccino vicino

Vaccino vicino

***

E finarmente un sorzo de speranza,

contro ‘sto virus zozzo e assassino,

pare se stia bon punto cor vaccino,

che sembra avecce bona risurtanza.

***

Semo a l’inizzio e ce vorrà un casino

pe dàllo a tutta la cittadinanza

der monno, ma comunque l’importanza

de avello guasi pronto è un ber bottino.

***

Speranno che se trovi anche la cura,

così se possa tutti finarmente

tornà a un’esistenza più sicura.

***

Abbraccicasse e stà in mezzo a la gente,

e a un po’ de tosse e de temperatura,

risponne ar: “Ma che ciài?” – “Davero gnente!”

***

Stefano Agostino

______________________

***

  1. E finarmente un sorzo de speranza,
    contro ‘sto virus zozzo e assassino,
    pare se stia bon punto cor vaccino,
    che sembra avecce bona risurtanza. …

    Comment by Stefano — 10 Novembre 2020 @ 06:07
  2. Senz’altro è una buona notizia. La speranza è tuttavia che l’antidoto non resti appannaggio del solo primo mondo, bensì fruibile dall’intera umanità. Sarebbe la più grande ingiustizia che si sommerebbe alle già enormi disuguaglianze.

    Comment by Silvio — 10 Novembre 2020 @ 10:03
  3. Decisamente…….’n’antra bona notizia per mondo intero!
    Poi, per il resto…….speramo bene!

    Comment by romano cb — 10 Novembre 2020 @ 11:42
  4. Per frattempo, viviamo co’ due Papi e co’ …….due Presidenti USA!

    Comment by romano cb — 10 Novembre 2020 @ 12:17
  5. Bella notizia!
    Buona Giornata

    Comment by letizia — 10 Novembre 2020 @ 14:18

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>