Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

16 Novembre 2020

Che razza de novembre

Che razza de novembre

***

Semo a metà novembre, ma nun pare,

cor tempo che nun cià più ‘na misura,

basta guardà a ‘sta temperatura,

che guasi guasi sa de bagno ar mare.

***

E la staggione va contro natura,

perzino le castagne ormai sò rare,

ma gireno ancora le zanzare,

che fanno a gara a la mejo puntura.

***

Inzomma c’è ‘na spece de novembre

che a larghi tratti, quann’è pieno giorno,

cià connotati da tardo settembre.

***

Confusi sò così rondine e storno,

si dasse er cambio mó che viè dicembre,

ma er Covid no, nun se leva de torno.

***

Stefano Agostino

_______________________

***

  1. Semo a metà novembre, ma nun pare,
    cor tempo che nun cià più ‘na misura,
    basta guardà a ‘sta temperatura,
    che guasi guasi sa de bagno ar mare.

    Comment by Stefano — 16 Novembre 2020 @ 03:52
  2. Sono state una vera benedizione le splendide giornate di sole con temperature miti che questa prima metà di novembre ci ha regalato. Questo senso di benessere quando si esce è apprezzato a maggior ragione adesso che, causa pandemia, si tende per prudenza a restare a casa più che in passato.

    Comment by Silvio — 16 Novembre 2020 @ 10:38
  3. In questo mondo sta andando tutto a rovescio: anche questo è colpa del virus (creato in laboratorio)?
    Buona serata.

    Comment by letizia — 16 Novembre 2020 @ 20:15

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>