Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Tempi d'oggi

26 Gennaio 2021

Tutti CONTEnti

Tutti CONTEnti

***

Come si fusse stato ch’un giochetto,

gestì er Paese ne la pandemia,

combatte co ‘sta granne epidemia,

co poche armi eppoi tutto de getto.

***

O semprice sarvà l’economia,

in piena crisi come primo effetto,

ch’ha riguardato er monno, un aspetto

che nun è certo pura fantasia.

***

Sò stati fatti sbaji … è naturale,

ma intanto prese pure decisioni,

che artri han seguito, ben’ o male.

***

Ma pe pastette de portrone a molle,

qui oggi, pe ‘na massa de cojoni,

è un dì de festa: Conte sale ar colle!

***

Stefano Agostino

_________________________

***

  1. Come si fusse stato ch’un giochetto,
    gestì er Paese ne la pandemia,
    combatte co ‘sta granne epidemia,
    co poche armi eppoi tutto de getto.

    Comment by Stefano — 26 Gennaio 2021 @ 05:28
  2. Certo che si poteva fare di meglio e di più nella gestione emergenziale della pandemia. Altrettanto certo che se si fossero trovati al Governo sovranisti e negazionisti le cose sarebbero andate molto peggio, data la tendenza a minimizzare e sottovalutare. Dubito infine che un Governo antieuropeista avrebbe ottenuto un paracadute così ampio dall’UE…

    Comment by Silvio — 26 Gennaio 2021 @ 09:47
  3. La cosa più importante era quella di salvare le loro comode e munifiche poltrone e, naturalmente, ci sono riusciti! E’ solo un governo di inetti ed incapaci che se infischia del popolo.
    Buona Giornata.

    Comment by letizia — 26 Gennaio 2021 @ 12:29

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>