Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Nuova edizione,Romanamente

6 Febbraio 2021

Li cinque senzi

Li cinque senzi

***

Un giorno sora Bocca disse ar Tatto:

“So’ mejo io ch’assaggio li sapori,

de te ch’avverti solo li dolori,

nun te se pò toccà ché fai ’no scatto!”

***

Naso fiutò, seguggio, ’sti sentori

e, annusati, poi sortì de un tratto:

“Er primo resto io che do l’orfatto,

senza de me, nun serveno l’odori.”

***

Un rombo forte, s’arintese Orecchio:

“Che conta straparlà, si poi sei sordo?

Ascorteme e bonanotte ar secchio!”

***

L’Occhio li furminò, sguardo balordo:

“È grazzie a me, si vedi ch’è ’no specchio”

e vinze lui …trovò tutti d’accordo.

***

Stefano Agostino

_____________________

***

  1. Un giorno sora Bocca disse ar Tatto:
    “So’ mejo io ch’assaggio li sapori,
    de te ch’avverti solo li dolori,
    nun te se pò toccà ché fai ’no scatto!”

    Comment by Stefano — 6 Febbraio 2021 @ 04:03
  2. Quando Dio ci creò ci fornì cinque sensi, che effettivamente servono tutti e tutti sono importanti!
    Buon pomeriggio.

    Comment by letizia — 6 Febbraio 2021 @ 15:44

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>