Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Nuova edizione,Romanamente

13 Febbraio 2021

Er Carnevale

Er Carnevale

***

È er tempo che ’gni scherzo fatto vale,

semel in anno licet insanire”,

te pòi bardà perzino co du’ lire,

fregannotene de chi penza male.

***

Così che ’no straccione se fa sire,

o l’omo donna, anche si in finale,

pe certi nun s’aspetta er Carnevale,

pe travestisse, ma co artre mire.

***

Coriannoli qua e là, stelle filanti,

le frappe a campeggià tra castagnole,

in mezz’a strisce “spray” de coloranti.

***

Me chiedo, ma pe spenne du’ parole:

ar tempo de la fine de ’sti canti,

’ste maschere vivranno anche da sole?

***

Stefano Agostino

________________________

***

  1. È er tempo che ’gni scherzo fatto vale,
    “semel in anno licet insanire”,
    te pòi bardà perzino co du’ lire,
    fregannotene de chi penza male.

    Comment by Stefano — 13 Febbraio 2021 @ 00:08
  2. Buon carnevale a tutti coloro che avranno voglia di festeggiarlo!
    Buon pomeriggio.

    Comment by letizia — 13 Febbraio 2021 @ 17:01

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>