Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Nuova edizione,Romanamente

20 Febbraio 2021

L’ombrello

L’ombrello

***

Se penza che sia utile si piove,

pe nun bagnasse e mantené un decoro,

sarò ’na voce ch’è fòri dar coro,

ma me domanno: ’ndó stanno le prove?

***

Nun serve a gnente, dico e m’accaloro,

a parte che lo perdo in de ’gni dove,

c’è un fatto che me rode e m’arimove,

che fa l’effetto rosso si c’è un toro.

***

Quanno che gnagnarella nun t’occore,

lo apri e chiudi e manco te ce sfizzi,

si de la pioggia c’è solo l’odore.

***

Ma quanno piove scrosci, spruzzi e schizzi,

nun pò mai riparatte e co stupore,

perzino le mutanne poi te strizzi.

***

Stefano Agostino

________________________

***

  1. Se penza che sia utile si piove,
    pe nun bagnasse e mantené un decoro,
    sarò ’na voce ch’è fòri dar coro,
    ma me domanno: ’ndó stanno le prove?

    Comment by Stefano — 20 Febbraio 2021 @ 07:39
  2. Allegra e veritiera!
    Infatti l’ombrello e’ come l’assicurazione, non l’hai mai con te quando che te serve!

    Comment by romano cb — 20 Febbraio 2021 @ 15:48
  3. Mah! Se vedo nuvole grigie io me lo porto: è troppo utile!
    Buon pomeriggio.

    Comment by letizia — 20 Febbraio 2021 @ 16:25

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>