Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Nuova edizione,Romanamente

9 Marzo 2021

Er parcheggio

Er parcheggio

***

Tarmente è diventato un gran probbrema,

a Roma er fatto de trovà parcheggio,

che noi romani, prima d’annà peggio,

semo già pronti a rivortà er sistema.

***

Quanno che se fa un buco, guasi a sfreggio,

– tanto pe dilla mejo e restà in tema –

chi esce fa melina come schema,

ce mette un’ora pe lassà er posteggio.

***

’Na vorta ch’hai trovato un ber posto,

nun fà che senza gnente l’abbandoni,

tiettelo in càllo, com’er sol d’agosto.

***

Si propio ciài da uscì, prima che sòni,

chi vole parcheggià, e pure tosto,

te sganci dieci euri, p’èsse boni…

***

Stefano Agostino

_______________________

***

  1. Tarmente è diventato un gran probbrema,
    a Roma er fatto de trovà parcheggio,
    che noi romani, prima d’annà peggio,
    semo già pronti a rivortà er sistema. …

    Comment by Stefano — 9 Marzo 2021 @ 07:06
  2. La qualità della vita di una città si vede anche da quanto tempo si passa in macchina imbottigliati nel traffico o a cercare parcheggio. In tempi pre-Covid a volte facevo fatica a trovare un buco perfino per lo scooter sotto l’ufficio in pieno centro storico! La vera sfida oggi è diventata la mobilità a zero emissioni e la soluzione sembra essere il mezzo elettrico sempre più piccolo (minicar, scooter, monopattino, bici) e condiviso (il sistema del cosiddetto “sharing”).

    Comment by Silvio — 9 Marzo 2021 @ 09:18
  3. Certo che parcheggiare a Roma è come vincere un terno al lotto, e spesso neppure in doppia fila si riesce a parcheggiare!
    Buona Giornata

    Comment by letizia — 9 Marzo 2021 @ 11:50

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>