Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Nuova edizione,Romanamente

27 Marzo 2021

Ora legale

Ora legale

***

Te spiego che vor dì l’ora legale:

’gni vorta quann’è tempo tocca fàllo,

e nun se sa perché, rimane un giallo,

ritorna tutti l’anni micidiale.

***

’Gni orologgio c’è da rispostallo

un’ora avanti, pure che va male,

ma tocca fà così, è ufficiale,

quanno s’allunga er giorno e fa più càllo.

***

A l’urtima domenica de marzo,

sessanta li minuti in avanti,

pe tutti l’orologgi, pur’ar quarzo.

***

Li giri de lancette devastanti,

ché quann’è lunedì, prima che m’arzo,

ce vò ’na gru pe carichi pesanti.

***

Stefano Agostino

______________________

***

  1. Te spiego che vor dì l’ora legale:
    ’gni vorta quann’è tempo tocca fàllo,
    e nun se sa perché, rimane un giallo,
    ritorna tutti l’anni micidiale.

    Comment by Stefano — 27 Marzo 2021 @ 07:47
  2. Mi piacerebbe sapere chi è stato il “genio” che s’è inventato l’ora legale! Veramente una rottura di scatole.
    Buona giornata.

    Comment by letizia — 27 Marzo 2021 @ 09:46

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>