Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Nuova edizione,Schegge di vita

10 Aprile 2021

Er pomeriggio

Er pomeriggio

***

Nun cià preciso er tempo de l’inizzio,

legato sì com’è da che se pranza,

comincia un po’ così, in bona sostanza,

e dura finché abbruna in precipizzio.

***

Ché pe coprì ’sto tempo e ’sta distanza,

sarebbe er tempo giusto e più propizzio,

pe stennese sur letto ch’è ’no sfizzio,

e accoje quela pennica ch’avanza.

***

’Sta vita, ar dunque, è sempre più ’na lotta,

a chi córe deppiù p’arivà in cima,

ché si te fermi perdi la pagnotta.

***

La pennica, perciò, chiudo ’sta rima,

…poi dice ch’uno sclera, sbraita e sbotta…

ner pomeriggio nun cià più ’na stima.

***

Stefano Agostino

______________________

***

  1. Nun cià preciso er tempo de l’inizzio,
    legato sì com’è da che se pranza,
    comincia un po’ così, in bona sostanza,
    e dura finché abbruna in precipizzio. …

    Comment by Stefano — 10 Aprile 2021 @ 07:51
  2. Non amo dormire di pomeriggio: è veramente una inutile perdita di tempo!
    Buon Sabato.

    Comment by letizia — 10 Aprile 2021 @ 11:54

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>