Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Nuova edizione,Romanamente

17 Maggio 2021

Er lunedì

Er lunedì

***

Si un giorno me faranno imperatore,

commannerò, cercanno d’èsse bono,

ma prima ancora de sedemme ar trono,

der lunedì sarò perzecutore.

***

Nun je darò la grazzia, né er perdono,

je tojerò perzino er difenzore,

si mai sgamo chi è stato l’inventore,

dovrà contà le sberle che je sòno.

***

Se stava tanto bene fin’a ieri,

senza la sveja, senza l’orologgio

e senza impicci, guai, noie e penzieri.

***

Invece er lunedì che cià ’st’alloggio,

ce fa ’nvidià barbieri e parucchieri,

e attenne martedì pe daje sloggio.

***

Stefano Agostino

________________________

***

  1. Si un giorno me faranno imperatore,
    commannerò, cercanno d’èsse bono,
    ma prima ancora de sedemme ar trono,
    der lunedì sarò perzecutore.

    Comment by Stefano — 17 Maggio 2021 @ 04:42
  2. Sempre d’accordo su questo sacrosanto principio di rango costituzionale: il lunedì è un crimine contro l’umanità!

    Comment by Silvio — 17 Maggio 2021 @ 08:35
  3. Sono d’accordo o meglio ero d’accordo, ma da quando sono in pensione il lunedì è come tutti gli altri giorni della settimana.
    Comunque, Buon Lunedì!

    Comment by letizia — 17 Maggio 2021 @ 12:27

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>