Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Frammenti di Roma,I sonetti romani,Nuova edizione

25 Maggio 2021

Er milite ignoto

Er milite ignoto

***

Chissà che penzerai tu da là dentro,

de tutto quer via-vai che ciài de sotto?

Co tempo der costume e der cappotto,

è sempre ’na fiumana in pieno centro.

***

Te ’mmaggino chiamà quer polizziotto,

da su l’artare e dije: “Io che c’entro?

Sò decisioni vostre, nun m’addentro,

ma che v’ho fatto pe pagà ’sto scotto?

***

Pure mazziato, ortre che cornuto,

so’ morto in guera, ma rimasi ignoto,

un milite nun più riconosciuto.

***

E tutt’er giorno tra machine e moto,

co ’sta Piazza Venezzia ch’è un imbuto,

riposo in pace solo ne le foto!”

***

Stefano Agostino

_________________________

***

  1. Chissà che penzerai tu da là dentro,
    de tutto quer via-vai che ciài de sotto?
    Co tempo der costume e der cappotto,
    è sempre ’na fiumana in pieno centro.

    Comment by Stefano — 25 Maggio 2021 @ 06:59
  2. E’ sempre giusto rinnovare il ricordo di chi ha dato la vita per il nostro paese. Onore ai caduti!

    Comment by Silvio — 25 Maggio 2021 @ 11:16
  3. Quel soldato ignoto chissà da dove veniva, se aveva dei figli e quali sogni accarezzava! Le guerre, di qualunque tipo, servono solo ad arricchire i fabbricanti di morte! Ma quando la smetteranno di causare solo dolore?
    Buona Giornata.

    Comment by letizia — 25 Maggio 2021 @ 11:27

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>