Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Nuova edizione,Romanamente

31 Maggio 2021

Monno de ladri

Monno de ladri

***

Er monno è sempre più tera de ladri:

avanti va er fìo de gran mignotta,

che pe la rabbia me ce viè la gotta,

strabbuzzo l’occhi fin’a fàlli quadri.

***

L’onesto, pe sudasse la pagnotta,

cià da tirà carette da mezzadri,

invece l’omo, fìo d’ignoti padri,

diventa ricco senza che se scotta.

***

E pure che lo becca la finanza,

cor maggistrato bono ner processo,

pe male che je va, sta in latitanza.

***

Ner caso sia, ma nun succede spesso,

ch’è condannato, pe bona creanza,

un’ora e già sta fòri cor permesso.

***

Stefano Agostino

________________________

***

  1. Er monno è sempre più tera de ladri:
    avanti va er fìo de gran mignotta,
    che pe la rabbia me ce viè la gotta,
    strabbuzzo l’occhi fin’a fàlli quadri. …

    Comment by Stefano — 31 Maggio 2021 @ 04:38
  2. Su questa terra ci sono sempre state ingiustizie, disuguaglianze e sfruttamento dei più deboli. La vittoria dei più forti è però solo illusoria, effimera se comparata alla vita eterna e alla salvezza dell’anima. La vera giustizia non è di questo mondo, non è umana ma divina!

    Comment by Silvio — 31 Maggio 2021 @ 09:14
  3. Silvio hai detto sante parole! Purtroppo, mi sembra che il mondo stia notevolmente peggiorando. Quello di oggi non è più il “mio” mondo, anche se c’è ancora gente perbene!
    Buona Giornata.

    Comment by letizia — 31 Maggio 2021 @ 11:04

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>