Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Frammenti di Roma,I sonetti romani,Nuova edizione

16 Giugno 2021

Piazza Navona

Piazza Navona

***

La più famosa pe le bancarelle,

l’artista, er mimo, er mago, er sartimbanco,

chi tenta la fortuna a quarche banco,

e chi se pò magnà quele ciambelle.

***

Su ’na panchina c’è un turista stanco,

ma l’occhi accesi come du’ fiammelle,

Fontana de li Fiumi, ch’è ribbelle,

a Sant’Agnese che je sta de fianco.

***

Tra zuccheri velati e marionette,

li strilli de pupetti a la sottana,

ce sò presepi, grotte e statuette.

***

Piazza Navona se fa più romana,

quanno s’ariempie de scope e carzette,

la notte che s’aspetta la Befana!

***

Stefano Agostino

______________________

***

  1. La più famosa pe le bancarelle,
    l’artista, er mimo, er mago, er sartimbanco,
    chi tenta la fortuna a quarche banco,
    e chi se pò magnà quele ciambelle. …

    Comment by Stefano — 16 Giugno 2021 @ 04:32
  2. La bellezza di questa piazza è indescrivibile. Ritengo tuttavia che il suo massimo splendore lo si apprezzi quando è libera da banchi, bancarelle e giostrine. Questi inutili accessori inquinano infatti la purezza di un’opera maestra!

    Comment by Silvio — 16 Giugno 2021 @ 09:45
  3. Continuo a fare il turista tra le bellezze di Roma, che non si possono descrivere (anche se abbiamo un gran poeta!), ma solo ammirarle dal vivo!
    Buona Giornata.

    Comment by letizia — 16 Giugno 2021 @ 09:57

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>