Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Nuova edizione,Romanamente

19 Giugno 2021

Scarabbocchi su li muri

Scarabbocchi su li muri

***

Che gusto te pò dà, nun lo capisco,

’sto fatto de ’mbrattà ’gni muro tinto,

scarabbocchiallo pure ch’è dipinto,

e, quann’è ripulito, stesso disco.

***

Nun so qual è er motivo che t’ha spinto,

un’arte che però io nun gradisco,

a punto che ’gni vorta poi finisco,

de chiedeme: “Vabbè… ma mó ch’hai vinto?”

***

Magara pe ’na smania tua d’amore,

de ribbellione e de protagonismo,

o pe mostrà la rabbia co l’ardore.

***

Ma fatte dì, scusanno er francesismo,

che co ’sta bomboletta sei pittore,

de l’era der più arto “fancazzismo”.

***

Stefano Agostino

_______________________

***

  1. Quelli che imbrattano i muri sono dei poveracci: fanno solo pena!
    Buona Giornata.

    Comment by letizia — 19 Giugno 2021 @ 16:00

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>