Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Nuova edizione,Schegge di vita

23 Giugno 2021

Estate

Estate

***

’Na luce chiara e forte che t’avvorge,

un desiderio d’ombra e le zanzare,

l’urlo de li gabbiani lungo er mare,

l’arba de un sole novo che sconvorge.

***

Li pescatori, ar lume de lampare,

aspetteno la rete ch’arisorge,

un furmine de voje che te ’nsorge,

dopo l’inverno e le giornate amare.

***

Poi l’oro rosso acceso der tramonto,

a dì ch’è Giugno, er quale de nascosto,

s’abbraccica co Lujo che sta pronto…

***

… p’annà in vacanza inzieme ar sor Agosto,

prima de passà in cassa, pagà er conto,

e fà ritorno che Settembre è tosto.

***

Stefano Agostino

_________________________

***

  1. ’Na luce chiara e forte che t’avvorge,
    un desiderio d’ombra e le zanzare,
    l’urlo de li gabbiani lungo er mare,
    l’arba de un sole novo che sconvorge. …

    Comment by Stefano — 23 Giugno 2021 @ 04:04
  2. E’ la luce ciò che più rappresenta la stagione estiva, simbolo di vita e di libertà. E’ il periodo in cui passiamo più tempo all’aria aperta, quando c’è maggiore socializzazione, evasione dalla ripetitività, gioia e dinamismo per la salute del corpo e dello spirito!

    Comment by Silvio — 23 Giugno 2021 @ 07:46
  3. Nonostante il vento del Sahara e di conseguenza il caldo torrido, è l’estate la stagione più bella e accattivante! Buona estate a tutti!
    Buona Giornata.

    Comment by letizia — 23 Giugno 2021 @ 11:51

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>