Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Nuova edizione,Romanamente

11 Agosto 2021

Er piagnone

Er piagnone

***

Ma dico io, pòi vive a ’sta magnera?

Sempre sur moscio, nun soridi mai,

a fà la conta de malanni e guai,

e più va avanti, più la vedi nera.

***

Ché si te ’ncontro e chiedo: “Come stai?” –

“Lasseme perde!”, dichi, a brutta cera:

“So’ de la sfiga er portabandiera”,

e penzo … quanno mai tu guarirai?!?

***

Vabbè che la sfortuna nun è un torto,

ma piagne sempre, come gnagnarella,

vor dì tirasse addosso tutto storto.

***

Ché nun c’è verità maggior de quella,

che più sei moggio, triste, buio e smorto,

più te se mette a rota sora jella.

***

Stefano Agostino

__________________

***

  1. Ma dico io, pòi vive a ’sta magnera?
    Sempre sur moscio, nun soridi mai,
    a fà la conta de malanni e guai,
    e più va avanti, più la vedi nera. …

    Comment by Stefano — 11 Agosto 2021 @ 06:16
  2. La seconda terzina è sacrosantemente VERA! Se non sorridi alla Vita non ti resta che piangere!
    Buona Giornata.

    Comment by letizia — 11 Agosto 2021 @ 11:59

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>