Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Nuova edizione,Tempi d'oggi

17 Agosto 2021

Er piromane

Er piromane

***

Che pò succede indentro a ’na capoccia,

pe incendià e dà foco a ’na foresta?

Nun ce lo so, ma so che quela testa,

nun riesco a piagne mica si se scoccia.

***

Te credi, che ne so, de fà ’na festa?

La benza su li tronchi a mo’ de doccia,

sfregà un cerino che ciài in saccoccia,

pe poi sfruttà quer vento de tempesta.

***

Chissà si mosso da ’sto strano gusto,

te sentirai potente o pressappoco

e penzerai de stà pure ner giusto.

***

Magara prima o poi pe fà ’sto gioco,

quarcosa te va storto e ner trambusto,

co ’na fiammata addosso te dài foco!

***

Stefano Agostino

_____________________

***

  1. Che pò succede indentro a ’na capoccia,
    pe incendià e dà foco a ’na foresta?
    Nun ce lo so, ma so che quela testa,
    nun riesco a piagne mica si se scoccia. …

    Comment by Stefano — 15 Agosto 2021 @ 16:33
  2. Anche io mi domando spesso cosa gli dice il cervello (se ce l’ha!) a quello che dà fuoco a una foresta, forse pensa di essere grande e potente?!, ma è solo un poveraccio a cui bisognerebbe mozzare le mani! Se non si rende conto di compiere un atto di terrorismo, dovrebbe subire il lavaggio del cervello! A meno che non sia stato pagato da qualcuno senza scrupoli che con l’incendio conta di fare grandi guadagni. Ormai non mi meraviglio più di niente.
    Buona Giornata.

    Comment by letizia — 17 Agosto 2021 @ 12:53

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>