Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Nuova edizione,Romanamente

26 Agosto 2021

S.P.Q.R.

S.P.Q.R.

***

’Sta sigla che finisce co la “ere”,

e co una R sola, chiaramente,

dà l’inizziali a la Romana Gente,

eco d’antichi fasti, storia e guere.

***

“Senatus” sì, ma mica l’accidente

de quello d’oggi, servo der potere,

ma er “Populus”, de carci ner sedere,

n’ha presi allora, come ner presente.

***

L’acronimo che incute gran rispetto,

ar centro de ’no scudo rosso e oro,

quanno lo guardo m’arigonfia er petto.

***

E pure che dà freggio o fa decoro,

a un nasone, un cesso o un cassonetto,

co S.P.Q.R. me ’nnamoro!

***

Stefano Agostino

____________________

***

  1. ’Sta sigla che finisce co la “ere”,
    e co una R sola, chiaramente,
    dà l’inizziali a la Romana Gente,
    eco d’antichi fasti, storia e guere. …

    Comment by Stefano — 26 Agosto 2021 @ 05:59
  2. E’ l’acronimo più vecchio della storia che, tramandato da generazioni, ricorda la gloria che fu della città eterna!

    Comment by Silvio — 26 Agosto 2021 @ 09:40
  3. Il passato splendore è ormai un ricordo completamente tramontato! Chissà cosa direbbero i nostri eroici avi se potessero farlo!
    Buona Giornata.

    Comment by letizia — 26 Agosto 2021 @ 11:07

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>