Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

15 Settembre 2021

Come tira er vento

Come tira er vento

***

So’ stufo de dà giustificazzioni,

pe ‘gni perzona e pe ‘gni atteggiamento,

de dimme … ma, che vòi, sarà un momento,

si fa così ciavrà le sue raggioni.

***

Te spiego un po’ più mejo l’argomento,

sò stanco d’accettà penzieri e azzioni,

in reartà ciò pieni li cojoni,

de chi cià turbe come soffia er vento.

***

Perciò come je gira in quer seconno

sei er mejo amico o er più granne affetto,

da portà in arto fino in cima ar monno.

***

Ma poi te sbrocca senza che j’hai detto

nemmanco “a” … e caschi a lo sprofonno,

… ma sai che c’è?  Sfanculete diretto!

***

Stefano Agostino

________________________

***

  1. So’ stufo de dà giustificazzioni,
    pe ‘gni perzona e pe ‘gni atteggiamento,
    de dimme … ma, che vòi, sarà un momento,
    si fa così ciavrà le sue raggioni. …

    Comment by Stefano — 15 Settembre 2021 @ 07:15
  2. Non sono sicuro di aver capito il significato del sonetto odierno. Mi limito solo ad osservare che le persone troppo volubili sono spesso insicure o attraversano momenti di difficoltà personale

    Comment by Silvio — 15 Settembre 2021 @ 10:23
  3. Questo è un sonetto a doppio senso (secondo me eh!): “accettà penzieri e azzioni… er più granne “affetto…”
    Fantastico, dici quello che pensi di certi “amici” in modo leggero e simpatico! Stefano, sei molto bravo!
    Buona Giornata.

    Comment by letizia — 15 Settembre 2021 @ 11:09
  4. Letizia grazie e complimenti per aver colto le sfumature … che forse nemmeno io volevo mettere …

    Silvio, il senso lo scopri bene leggendo il pensiero del giorno.

    Comment by Stefano — 15 Settembre 2021 @ 12:11

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>