Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Nuova edizione,Romanamente

22 Settembre 2021

Er Granne Fratello

Er Granne Fratello

***

Quanno se ’ntenne dì: “Granne Fratello”,

se penza tutti ar nome der programma,

che sgama arch’er più nano-fotogramma,

de gente chiusa in “Casa” pe fà quello.

***

“Granne Fratello” invece è l’ologramma,

che ce controlla sempre, senza appello,

e scruta fino ar dentro der cervello,

come nemmanco l’encefalogramma.

***

Nun pòi fà gnente che t’hanno tanato:

satelliti, “computer”, raggi spia,

già sanno tutto, appena l’hai penzato!

***

E nun c’è modo in cui li pòi fotte,

come ner “Truman Show” pe scappà via,

“Bongiorno, bonasera e bonanotte!”

***

Stefano Agostino

_________________________

***

  1. Quanno se ’ntenne dì: “Granne Fratello”,
    se penza tutti ar nome der programma,
    che sgama arch’er più nano-fotogramma,
    de gente chiusa in “Casa” pe fà quello. …

    Comment by Stefano — 22 Settembre 2021 @ 04:35
  2. Chi non ha nulla da nascondere non deve temere tracciamenti informatici o telecamere dislocate sul territorio, dovrebbe al contrario sentirsi rassicurato perché ciò costituisce un deterrente per chi avesse l’intenzione di delinquere.
    E’ piuttosto l’inclinazione a postare compulsivamente sui social media a raccontare tutto di sé stessi a tutti.

    Comment by Silvio — 22 Settembre 2021 @ 09:45
  3. Io sono iscritta su un social ormai da anni e mai racconto qualcosa di me! Mi da comunque fastidio sapere che sono spiata da tutta questa gentaglia che si arroga il diritto di “governare” il mondo come se ne fossero i proprietari, mentre sono solo dei criminali.
    Buona Giornata.

    Comment by letizia — 22 Settembre 2021 @ 11:09

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>