Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

2 Ottobre 2021

L’Angelo Custode

L’Angelo Custode

***

Tarmente straripante ne l’Amore,

Dio pe ciascuno de noantri noi,

(un “noi” che nun cià contrapposto un “voi”),

ha rigalato a ‘gnuno un artro còre …

***

… e un assistente che nun manca poi

de daje Luce e un tocco de calore,

quanno che serve, in gioia e ner dolore,

che varga più de tanti finti eroi.

***

Pe questo ‘gni omo cià ‘sto granne Amico,

ch’è l’Angelo Custode perzonale,

pe protezzione e a guardia dar nemico.

***

Io m’arivorgo ar mio ch’è er più speciale,

tutte le vorte che, manco ve dico,

me serve un quarche aiuto celestiale.

***

Stefano Agostino

_______________________

***

  1. Tarmente straripante ne l’Amore,
    Dio pe ciascuno de noantri noi,
    (un “noi” che nun cià contrapposto un “voi”),
    ha rigalato a ‘gnuno un artro còre …

    Comment by Stefano — 2 Ottobre 2021 @ 07:05
  2. È bello pensare che c’è Qualcuno che ci protegge dalle sciocchezze che spesso facciamo e che prega per noi! E’ un Angelo mandato da DIO e che ci ama senza limiti!
    Buona Giornata.

    Comment by letizia — 2 Ottobre 2021 @ 11:28

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>