Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Nuova edizione,Romanamente

6 Ottobre 2021

Er gabbinetto

Er gabbinetto

***

Ma quanti nomi cià er “gabbinetto”?

Sin da li tempi antichi “vespasiano”,

via-via poi “ritirata” o più romano,

ch’è detto “cesso”, quanno è dirimpetto.

***

“Servizio”, co specifica der vano,

“latrina”, si sei più cacazzibbetto,

“pitale”, si lo piazzi sotto ar letto

o “bagno”, quanno ch’è uno pe piano.

***

Toilette”, p’er ciovile e l’educato,

c’è pure chi lo scrive “doppio zero”,

ma sempre in fonno a destra è situato.

***

Chiamalo come vòi ’sto pozzo nero,

abbasta che nun sia mai occupato,

come un amico, ner bisogno vero.

***

Stefano Agostino

_______________________

***

  1. Ma quanti nomi cià er “gabbinetto”?
    Sin da li tempi antichi “vespasiano”,
    via-via poi “ritirata” o più romano,
    ch’è detto “cesso”, quanno è dirimpetto. …

    Comment by Stefano — 6 Ottobre 2021 @ 05:35
  2. Il mondo cambia. Nato come un semplice buco o poco più, il “servizio” di un luogo pubblico è oggi oggetto di rigorosissime norme architettoniche e igieniche

    Comment by Silvio — 6 Ottobre 2021 @ 09:32
  3. Ma senza il vespasiano dove si liberavano i bisogni? E quando Vespasiano pose la tassa sui vespasiani (pecunia non olet!) come la presero gli abitanti di Roma? Domande impertinenti per un sonetto divertente!
    Buona Giornata.

    Comment by letizia — 6 Ottobre 2021 @ 12:16

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>