Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani

11 Ottobre 2021

La Piramide Cestia

La Piramide Cestia

***

Lo posso dì senza rischià er linciaggio

o chi me frulla giù dar precipizzio:

Piramide com’è, in stile egizzio,

dì ch’è de Roma ce vò un ber coraggio ?!?

***

L’imperatore Cestio, pe ’no sfizzio,

de fà conosce ar monno quer lignaggio

e rènne sempiterno er suo passaggio,

vorze così, pe lui, l’ultimo ospizzio.

***

Ar centro de le mura, inzù quer posto

de faraoni giusto a la lontana,

è come si gennaio viè d’agosto.

***

Ma c’è ’na cosa che la fa romana:

da sottotera, guasi de nascosto,

unisce treni e metropolitana!

***

Stefano Agostino

_______________________

***

  1. Lo posso dì senza rischià er linciaggio
    o chi me frulla giù dar precipizzio:
    Piramide com’è, in stile egizzio,
    dì ch’è de Roma ce vò un ber coraggio ?!?

    Comment by Stefano — 11 Ottobre 2021 @ 07:13
  2. Roma all’epoca della piramide Cestia era il centro del mondo e importava ogni genere di mercanzia, prodotti tessili, spezie, frutti sconosciuti e animali esotici, così come architettura e cultura in genere. Quella “strana presenza” è testimonianza di una enorme capitale dell’antichità, città multietnica e aperta ad assorbire il meglio del suo tempo

    Comment by Silvio — 11 Ottobre 2021 @ 09:30
  3. Non aggiungo nulla al commento di Silvio: lui ha detto tutto! Ringraziamo i nostri “governanti” per come fino ad oggi ci hanno ridotto e ancora non è finita!
    Buona Giornata.

    Comment by letizia — 11 Ottobre 2021 @ 12:44

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>