Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Nuova edizione,Romanamente

13 Ottobre 2021

Er più arto in grado

Er più arto in grado

***

Famme capì: chi cacchio credi d’èsse?

Co ’st’aria come der più arto in grado,

quanno te ’ncontro, grazzie a Dio de rado,

pe avé un “bongiorno” tuo, prego tre messe.

***

L’educazzione conta e io ce bado,

piu der rispetto de regole fesse,

co te posso accettà pure scommesse,

dopo er saluto mio, mejo che vado.

***

Mó prenno carta e penna e scrivo a getto,

’sta dedica rimata in cui t’accanno,

che m’esce come ch’esce er “DO” de petto.

***

E senza manco più che me ce addanno,

io te saluto qua e co gran rispetto,

me spreco un vaffanculo e te ce manno!

***

Stefano Agostino

____________________

***

  1. Famme capì: chi cacchio credi d’èsse?
    Co ’st’aria come der più arto in grado,
    quanno te ’ncontro, grazzie a Dio de rado,
    pe avé un “bongiorno” tuo, prego tre messe. …

    Comment by Stefano — 13 Ottobre 2021 @ 06:26
  2. Questo argomento mi suscita sempre un ricordo, quello della poesia della ‘Livella’ di Totò. I meriti infatti dobbiamo conquistarceli davanti a Dio più che davanti agli uomini

    Comment by Silvio — 13 Ottobre 2021 @ 10:31
  3. Stefano scrive bei sonetti, Silvio dice sempre cose giuste e io sono soddisfatta di far parte di questa cerchia!
    Buon pomeriggio

    Comment by letizia — 13 Ottobre 2021 @ 16:54
  4. Pienamente d’accordo,…….ed io ho il piacere di leggervi giornalmente tutti e tre! Grazie

    Comment by romano cb — 14 Ottobre 2021 @ 11:47

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>