Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Nuova edizione,Romanamente

16 Ottobre 2021

Er Sindaco de Roma

Er Sindaco de Roma

***

Vorebbe un sindaco che amasse Roma,

un decimo de quer che l’amo io,

volesse er Celo, sì, volesse Dio,

de fanne uno che cià ’sto diproma.

***

E lo vorebbe che je fusse fìo,

sin da li piedi fino inzù la chioma,

indentro ar centro de ’gni cromosoma,

ciavesse un soffio de l’amore mio.

***

Un sindaco così, senza colore,

che faccia er suo mestiere co l’orgojo,

de chi sa che lavora, ma è un onore.

***

Inzomma, e chiudo, er sindaco che vojo,

deve sentisse Roma indentro ar còre,

e no p’er culo càllo ar Campidojo.

***

Stefano Agostino

_____________________

***

  1. Vorebbe un sindaco che amasse Roma,
    un decimo de quer che l’amo io,
    volesse er Celo, sì, volesse Dio,
    de fanne uno che cià ’sto diproma. …

    Comment by Stefano — 16 Ottobre 2021 @ 06:38
  2. Il sindaco di Roma deve amare Roma! E se ama ROMA, ROMA lo amerà!
    Buon pomeriggio.

    Comment by letizia — 16 Ottobre 2021 @ 16:31

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>