Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Nuova edizione,Romanamente

21 Ottobre 2021

Li processi penali

Li processi penali

***

Ammazza che finaccia ’sti processi!

Te credo che se chiameno penali:

ma no pe fattispece criminali,

ma riferiti “a mascolini sessi”.

***

Se ponno combinà li peggio mali,

ché tanto poi l’effetti sò l’istessi,

se scoveno cavilli e compromessi,

che fanno li corpevoli neutrali.

***

’Na vorta è perché er tizzio era drogato,

un’artra è che cià un alibbi de fero,

un’artra ancora è stato provocato.

***

A seguità così su ’sto sentiero,

er solo ergastolano de ’sto Stato,

che sconterà condanna, sarà er “Vero”.

***

Stefano Agostino

_____________________

***

  1. Ammazza che finaccia ’sti processi!
    Te credo che se chiameno penali:
    ma no pe fattispece criminali,
    ma riferiti “a mascolini sessi”. …

    Comment by Stefano — 21 Ottobre 2021 @ 07:29
  2. Gli unici ad andare in galera per scontare le malefatte che hanno combinato dovrebbero essere TUTTI i governanti di questo Paese, ormai completamente marcio grazie a loro! Che brutta fine abbiamo fatto!
    Buona giornata.

    Comment by letizia — 21 Ottobre 2021 @ 11:14
  3. E’ una vecchia polemica quella generata dalla considerazione che il nostro ordinamento penale sia troppo garantista e troppo “morbido” con i delinquenti. A me non dispiace la rigorosa aderenza ai principi costituzionali, mi accontenterei piuttosto che almeno fosse applicato correttamente e che vi sia certezza della pena.

    Comment by Silvio — 21 Ottobre 2021 @ 11:20

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>