Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Nuova edizione,Romanamente

27 Ottobre 2021

Pe fà un sonetto

Pe fà un sonetto

***

Trovà la rima giusta è un po’ un’impresa:

la tronca nun è bella in poesia,

ce serve un tocco in più de fantasia,

che a forza de infiniti è vilipesa.

***

Cor participio, quale ch’esso sia,

nun c’è da esaggerà, leva l’attesa,

“amore e còre”, toje la sorpresa

e tutto poi ce perde de maggìa.

***

La metrica, che serve a dettà tempi,

cià regole più lei de l’univerzo,

l’endecasillabi sò solo esempi.

***

Ma, forma a parte, si te senti perzo,

pe fà er sonetto, senza che te stempi,

ascorta bene er còre e scrivi er verzo.

***

Stefano Agostino

______________________

***

  1. Trovà la rima giusta è un po’ un’impresa:
    la tronca nun è bella in poesia,
    ce serve un tocco in più de fantasia,
    che a forza de infiniti è vilipesa. …

    Comment by Stefano — 27 Ottobre 2021 @ 04:19
  2. La poesia è come la musica, ci sono infinite combinazioni per il suo componimento, e dopo migliaia di sonetti scritti in questi anni sei ancora ispirato per sempre nuove composizioni

    Comment by Silvio — 27 Ottobre 2021 @ 07:49
  3. Stefano, sei veramente troppo bravo! Io non so dove prendi le idee per sonettare tutti i giorni, sei incredibile, quanti ne hai scritti prima d’ora?!
    Buona Giornata.

    Comment by letizia — 27 Ottobre 2021 @ 13:20
  4. Come loro…..
    Io me unisco ar coro!

    Comment by romano cb — 27 Ottobre 2021 @ 14:46
  5. Grazie di cuore a tutti. Ne ho scritti circa 2500 … ma penso molto di più a tutti quelli che ho ancora da scrivere. Grazie a tutti voi.

    Comment by Stefano — 27 Ottobre 2021 @ 16:50

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>