Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Nuova edizione,Romanamente

10 Novembre 2021

Li storni

Li storni

***

Tramonto: sopra l’arberi appizzati,

se sente tutto a un tratto ’na caciara,

da un ramo a l’artro un sòno de fanfara,

de ronzettii diverzi, ma ’ntonati.

***

A fà ’sto gran bordello e ’sta cagnara,

sò l’ucelletti, tutti annuvolati,

che ariveno in città, ’ndó sò scallati,

quanno de ’nverno er sole è merce rara.

***

Ma a parte ’sto casino cippettante,

che t’arintrona er timpano e te spacca,

c’è un fatto ch’è assai più preoccupante …

***

A l’arba, quanno er primo in volo stacca

e tutti inzieme parteno a l’istante,

ce lasseno ner “guano”, ossia la cacca!

***

Stefano Agostino

______________________

***

  1. Tramonto: sopra l’arberi appizzati,
    se sente tutto a un tratto ’na caciara,
    da un ramo a l’artro un sòno de fanfara,
    de ronzettii diverzi, ma ’ntonati. …

    Comment by Stefano — 10 Novembre 2021 @ 03:47
  2. Gli storni fanno parte del quadro invernale di Roma! Ma non sono loro che ci inondano di guano! Nella cacca ci siamo a prescindere! Apriamo gli ombrelli e andiamo avanti!
    Buona Giornata.

    Comment by letizia — 10 Novembre 2021 @ 13:38
  3. Qualche tempo fa ho visto un documentario sugli storni di piccoli uccelli dove si spiegava che questi volteggi ondeggianti di un gran numero di esemplari è una strategia per confondere i volatili predatori

    Comment by Silvio — 10 Novembre 2021 @ 17:36

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>