Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Nuova edizione,Romanamente

18 Novembre 2021

Er romanesco

Er romanesco

***

Tu dimme si ce sta un artro dialetto,

ch’è più de còre de quello romano,

un artro più scaciato e a la mano,

senza dumila fronzoli, diretto.

***

Er romanesco, a ciancicà nostrano,

più che ’na lingua, è er modo più perfetto,

de tirà fòra quer che ciài ner petto,

che nun potresti scrive in italiano.

***

Quella de Roma, arta o popolare,

nun è sempricemente ’na parlata,

così, pe fà du’ chiacchiere da bare.

***

Pe come ch’esce, è musica cantata,

ma ce vò un fiato suo particolare,

che cià solo la bocca che c’è nata.

***

Stefano Agostino

_______________________

***

  1. Tu dimme si ce sta un artro dialetto,
    ch’è più de còre de quello romano,
    un artro più scaciato e a la mano,
    senza dumila fronzoli, diretto. …

    Comment by Stefano — 18 Novembre 2021 @ 18:40
  2. Sontuoso il sonetto odierno! E’ un vero e proprio inno de noantri che troverebbe un successo enorme se portato a conoscenza del grande pubblico. Me lo immagino recitato da attori come l’immenso e indimenticato Gigi Proietti o da Max Tortora, Brignano, Mastrandrea e tanti altri.

    Comment by Silvio — 19 Novembre 2021 @ 10:29
  3. Il “Romanesco” è una lingua che veramente tira fuori quello che è più nascosto nel profondo dell’essere! E’, come dice Silvio, “un inno de noantri”, che può cantare solo chi a Roma c’è nato!
    Buona Giornata.

    Comment by letizia — 19 Novembre 2021 @ 13:33

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>