Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

24 Novembre 2021

Ciao ‘Svardo

Ciao ‘Svardo

***

Sei stato qui tra li commentatori,

fedele sin dar primo mio sonetto,

de sciabbola così, più che fioretto,

ma sempre de saggezza e de valori …

***

… co l’inteventi giusti ner dialetto,

e senza uscì nemmanco un dito fòri

dar seminato e sotto a li colori

de ‘sta città, ner massimo rispetto.

***

Ieri ho saputo che sei ito in Celo,

toccanno quinni l’urtimo traguardo,

quello che ce separa come un velo.

***

Vedo ‘na stella e penzo mentre guardo,

ch’è grazzie a te er sonetto a ‘gni Vangelo,

me mancherai, amico mio, ‘Svardo.

***

Stefano Agostino

________________________

***

  1. Sei stato qui tra li commentatori,
    fedele sin dar primo mio sonetto,
    de sciabbola a usà, più ch’er fioretto,
    ma sempre de saggezza e de valori …

    Comment by Stefano — 24 Novembre 2021 @ 05:36
  2. Ciao ‘Svardo!

    Comment by romano cb — 24 Novembre 2021 @ 18:06

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>